Viaggiare con il gatto: i consigli di puppyschool.it

 

Come promesso ci occupiamo questa volta del benessere dei nostri amici gatti, e più precisamente di cosa fare quando non possiamo lasciarli a casa durante la nostra assenza.
Se ci troviamo nella situazione di non avere nessuno durante le vacanze che venga a casa a sfamare il micio, pulirgli la lettiera, cambiare l’acqua e dedicargli attenzione, allora siamo i candidati ideali per la lettura di questo articolo.

Innanzitutto ci teniamo a dirvi che per questioni di sicurezza il micio dovrebbe necessariamente viaggiare all’interno di un trasportino ben chiuso.
Spesso e volentieri però i nostri miciotti associano la sola vista del trasportino alla visita veterinaria e quindi non ci pensano due volte a scappare senza farsi trovare e magari tentare di ribellarsi quando cerchiamo di prenderli.
La cosa migliore da fare è insegnare al gatto a vivere con serenità sia il trasportino che il viaggio: l’apprendimento è semplice se si rispetta la seguente sequenza e si mantiene il buonumore.

Innanzitutto dovete individuare ciò che rende di buonumore il vostro micio: gioco, cibo, coccole, etc.
Secondariamente prendete il trasportino, lavatelo bene con acqua calda e detergente neutro senza profumazione.
Dopo averlo accuratamente ripulito, prendetelo e lasciatelo aperto in casa in modo che il gatto possa esplorarlo.
Quando avrà preso confidenza iniziate a mettere del cibo e dei giochi al suo interno.
Questo processo è volto ad eliminare l’associazione negativa trasportino- veterinario e a permettere quindi un rapporto più sereno.
Successivamente iniziate a chiudere la gabbia per poco tempo, riapritela e fate giocare il gatto.

 

sophia

 

Nonostante tutte le accortezze non dobbiamo mai dimenticarci che il trasporto costituisce uno stress per il nostro amico e quindi sta a noi renderlo il più piacevole possibile.
Per quello che riguarda dei regolari viaggi in macchina possiamo insegnare pian piano al micio ad apprezzare questo mezzo di trasporto.
Nel momento in cui il gatto è rilassato mettetelo all’interno del trasportino e mettete la gabbia nella macchina con il motore spento.
A questo punto aprite la gabbietta ed interagite con il gatto.
Una volta che avrete eseguito questo esercizio per qualche giorno potrete iniziare ad accendere la macchina per qualche minuto.
Solo quando il gatto sarà visibilmente tranquillo potrete azzardare un piccolissimo giro dell’isolato.

Vi ricordiamo che, per rispettare al meglio il benessere del gatto, la temperatura all’interno del veicolo deve essere mantenuta costante: mai mettere il gatto in mezzo a correnti d’aria o davanti al bocchettone dell’aria condizionata.
Una volta arrivati a destinazione, per quanto riguarda il contesto vacanza, tenete inizialmente il gatto in un luogo di piccole dimensioni in cui collocate anche acqua, cibo e lettiera.
Lasciate al gatto la possibilità di famigliarizzare con l’ambiente prima di estendere la sua presenza ad altre zone della casa.

Per qualunque informazione non esitate a contattarci, i veterinari di puppyschool.it sono sempre a disposizione per chiarimenti e consigli.

Nessun commento:

Posta un commento